In attesa della semifinale di mercoledì sera in cui la Juventus sarà ospite nel Principato di Monaco, domani sera (ore 20:45) verrà tirato su il sipario al ”Santiago Bernabéu”, teatro del quarto derby consecutivo in una competizione europea tra Real Madrid e Atlético Madrid.  I ”colchoneros” avranno occasione per vendicare la finale dello scorso anno che vide trionfare le ”merengues” sugli odiati cugini di casa, bissando quanto fatto nella finale di Lisbona nel maggio 2014. Insomma, si è ben capito chi siede sulla poltrona nella capitale spagnola. Avversaria ostica la squadra di Simeone, ancorata su un classico ed abbottonato 4-4-2 votato al contrasto fisico, merito dei due mediani di rottura sulla linea di centrocampo. Ali esterne parecchio talentuose, le quali dovranno rifornire i due centravanti, seconda e prima punta, proprio da manuale del tradizionale 4-4-2, magari un po’ obsoleto. Zidane, dal suo canto, garantirà densità in mediana dove trabocca la qualità di alcuni suoi pupilli: Casemiro, Kroos e Modrić. Isco, sugli scudi per le sue ultime prestazioni, agirà da trequartista alle spalle di Ronaldo e Benzema. La solidità e il pressing a tutto campo degli uomini del ”Cholo” contro la briosità e l’imprevedibilità della manovra dei campioni in carica. Diamo un’occhiata alle formazioni:

Real Madrid (4-3-1-2): Navas; Carvajal, Ramos, Varane, Marcelo; Casemiro, Modrić, Kroos; Isco; Benzema, Ronaldo.

Atlético Madrid (4-4-2): Oblak; Vrsaljko, Godín, Savić, Filipe Luís; Carrasco, Koke, Gabi, Saúl Ñíguez; Griezmann, Gameiro. 

LEAVE A REPLY